Palazzo Romagnoli

Già Montelabate ed ex albergo Aquila d'ORO.Uno dei più interessanti edifici dell'Ottocento riminese a lato del palazzo Garampi sulla via del corso d'Augusto. Originariamente di proprietà dei Montelabate, quindi di Claudio Procacci, poi della famiglia Romagnoli. Francesco Romagnoli nel 1826 incaricò Onofrio Meluzzi di rifare la facciata al palazzo e adattarlo alle sue esigenze abitative. La casa ospitava spesso personaggi illustri; qui Giuseppe Verdi pose termine(1857) all'Aroldo (due epigrafi sulla facciata dell'edificio ne fanno menzione. In seguito la casa fu trasformata in Locanda della Posta (le poste erano nel portico del confinante palazzo Garampi) e nell'ultimo quarto dell'ottocento la locanda divenne albergo Aquila d'Oro. La sua attività cessò negli anni sessanta, poi il degrado. Purtroppo la grande scala monumentale, le pitture dei soffitti, la grande tavola di zinco su cui erano dipinti gli stemmi dei sovrani e dei principi ospitati non esistono più e nel palazzo è rimasta solo la struttura esterna. Oggi l'edificio è sede di uffici comunali.

 

 

 

INFO

Punto di interesse non accessibile al pubblico

INDIRIZZI

Corso d'Augusto
Rimini